Get Adobe Flash player
Home Legislazione EQUITALIA E PIGNORAMENTO DEI CONTI CORRENTI: STRUMENTO SEMPRE PIU’ DIFFUSO
Notice
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

EQUITALIA E PIGNORAMENTO DEI CONTI CORRENTI: STRUMENTO SEMPRE PIU’ DIFFUSO

Legislazione - Normative

Il pignoramento dei conti correnti bancari rientra nel più ampio genus della espropriazione dei crediti presso terzi e rappresenta uno strumento di riscossione coattiva dei crediti erariali che Equitalia sta utilizzando, con sempre maggiore frequenza, nell’esercizio della sue funzioni di recupero dei crediti erariali.

La disciplina che ci accingiamo ad esaminare è rinvenibile nell’art. 72-bis del D.P.R. n. 602/1973 che ricalca, pur se con alcune importanti differenze che vedremo nel prosieguo, le disposizioni contenute negli artt. 543 e ss. c.p.c.

In sintesi e senza pretese di esaustività, in ambito civilistico il pignoramento presso terzi si attua mediante la notifica al terzo e al debitore di una ingiunzione che contiene:

  • l’indicazione, del credito per il quale si procede nonché gli estremi identificativi del relativo titolo di legittimazione;
  • l’indicazione, anche generica, del credito o del bene in possesso del terzo ma dovuti al debitore;
  • l’intimazione al terzo di non disporre dei beni o dei crediti nella titolarità del debitore senza l’ordine del giudice e
  • la citazione del debitore e del terzo a comparire davanti al giudice ordinario per rendere la dichiarazione in ordine alla effettiva natura ed entità dei diritti vantati.

Una volta notificato l’atto di pignoramento, si apre una prima fase giudiziale che potrebbe concludersi con il riconoscimento del debito da parte del terzo e, quindi, con la pronuncia del giudice di assegnazione del bene o del credito in favore del creditore procedente. Se invece il terzo non rende alcuna dichiarazione oppure dichiara di non possedere alcun bene o diritto di spettanza del debitore si apre, normalmente su istanza del creditore, un processo di cognizione, finalizzato ad accertare l’esistenza del bene o del credito pignorato.

In ambito tributario, invece, l’art. 72-bis sopra citato semplifica notevolmente la procedura civilistica precedentemente descritta. Infatti, la norma attribuisce all’Agente della riscossione il potere di ordinare al terzo di versare direttamente nelle casse di Equitalia l’importo delle somme dovute al debitore, fino a concorrenza del debito iscritto a ruolo, il tutto senza alcun coinvolgimento del giudice dell’esecuzione. In buona sostanza, nell’ambito alla riscossione tributaria, la normativa vigente autorizza Equitalia ad una sorta di espropriazione immediata dei crediti del debitore verso terzi; se nel processo esecutivo ordinario l’effetto traslativo del credito deriva dall’ordinanza di assegnazione di un giudice, nel procedimento di riscossione tributaria esso è imputabile esclusivamente all’ordine di pagamento nei confronti dell’ente di riscossione, senza alcun intervento da parte del magistrato.

Solo nel caso di inottemperanza all’ordine di pagamento da parte del terzo, si applicheranno le disposizioni di cui all’art. 72, comma 3, del D.P.R. n. 602/1973, ovvero l’Agente della riscossione dovrà procedere secondo le regole ordinarie del codice di procedura civile (citazione del terzo con l’invito dello stesso a comparire davanti al giudice dell'esecuzione).

La disciplina in esame trova applicazione per la generalità dei crediti vantati dal debitore iscritto a ruolo, a prescindere dal titolo degli stessi. Restano esclusi dalla pignorabilità tributaria i crediti pensionistici e quelli di cui all’art. 545, commi 4, 5 e 6, c.p.c., a mente del quale sono impignorabili i crediti alimentari (tranne che in alcuni specifici casi) ed i crediti per sussidi per maternità, malattie e funerali da casse di assicurazione. Restano, invece, pignorabili - nei limiti di un quinto - i crediti per stipendi e indennità per cessazione del rapporto di lavoro, sia per i rapporti di diritto pubblico che di diritto privato.

Secondo le disposizioni contenute nell’art. 72-bis in esame, il terzo (nella nostra analisi, l’istituto di credito) deve provvedere al pagamento a beneficio del creditore (Equitalia) nel termine di sessanta giorni dalla notifica dell’atto di pignoramento, per le somme per le quali il diritto alla percezione sia maturato anteriormente alla data di tale notifica; per le somme il cui diritto alla percezione sia maturato, invece, successivamente, il terzo sarà obbligato al versamento nei confronti del creditore alle rispettive scadenze.

Con specifico riferimento al pignoramento del conto corrente bancario, Equitalia (creditore) ha pertanto il potere di ordinare alla banca (terzo) di versare nelle casse erariali le somme di denaro depositate dal contribuente (debitore) sul proprio conto corrente, fino a concorrenza del credito per cui si è proceduto.

Al riguardo giova da subito evidenziare che è esclusa la pignorabilità delle c.d. “rimesse”, ossia quei versamenti che, nel contratto bancario di apertura di credito, vengono effettuati dal titolare del conto corrente “affidato” per ridurre o estinguere il saldo debitore del conto medesimo. Tali versamenti, infatti, hanno funzione meramente ripristinatoria della provvista e, pertanto, non rappresentano un obbligo restitutorio della banca verso il titolare del conto.

Ma quali sono le tutele del contribuente dinanzi a tale azione coattiva proposta dall’Agente della riscossione?

Non di rado, infatti, accade che l’atto di pignoramento non sia notificato al contribuente/debitore oppure non sia notificato tempestivamente e la banca si affretti nell’ottemperare all’ordine di pagamento impartito da Equitalia. Da più parti è stato già proposto di modificare la normativa vigente, prevedendo che il pignoramento presso terzi sia inefficace sino a quando non venga notificato al debitore iscritto a ruolo, obbligando così il terzo (banca) a richiedere all’agente della riscossione la prova dell’avvenuta notifica nei confronti del contribuente, prima di darvi esecuzione. Trattandosi, infatti, di un rapporto diretto fra Agente della riscossione e terzo, senza un obbligo specifico per questo ultimo di informare preventivamente il suo creditore, c’è il pericolo che l’istituto di credito paghi per un debito ormai estinto (si pensi all’ipotesi in cui sia intervenuta una sentenza favorevole al contribuente non tempestivamente seguita dallo sgravio ad opera dell'Agenzia delle Entrate). Circa la mancanza di obblighi specifici di comunicazione al cliente si vedano anche le interessanti pronunce dell’Arbitro Bancario e Finanziario – Collegio di Roma (Decisione n. 2813 del 03 settembre 2012 e Decisione n. 252 del 7 febbraio 2011), in cui viene chiarito che il formale rispetto della disposizioni in tema di pignoramento presso terzi ex D.P.R. n. 602/1973 non esaurisce il panorama degli obblighi gravanti sulla banca, atteso che il rapporto negoziale in essere con il cliente impone alla medesima doveri di trasparenza e informazione e, pertanto, non può escludersi a priori una responsabilità dell’istituto di credito discendente dal dovere generale di diligente e corretta esecuzione del mandato ai sensi dell’art. 1856 cod.civ.

Va inoltre rilevato che, in caso di conti correnti cointestati, Equitalia non può procedere al pignoramento “extragiudiziale” ma dovrà agire secondo la procedura “ordinaria”, con il necessario coinvolgimento di un giudice. Il conto bancario o postale “cointestato” rientra, infatti, nella nozione di “bene comune indiviso”, la cui espropriazione è disciplinata dalle regole generali del codice di procedura civile; in tale ipotesi e in mancanza di una prova contraria, gli intestatari del conto corrente – ai sensi degli artt. 1852 e ss. cod. civ. – sono considerati creditori solidali della banca e le rispettive quote si presumono uguali. Ne consegue che l’istituto di credito non potrà automaticamente eseguire le istruzioni impartite dall’Agente della riscossione in merito all’apposizione del vincolo sul conto corrente; se Equitalia procedesse, infatti, secondo la normale riscossione esattoriale pignorerebbe l’intero saldo di conto corrente, il cui 50% appartiene, invece, a un soggetto diverso (non debitore). Solo una volta ottenuta la divisione del bene comune (conto corrente) diventerà possibile l’assegnazione al creditore pignorante.

È facile intuire che, in questa ipotesi, il procedimento di recupero coattivo diverrà molto più lungo, pur se le somme depositate sul conto corrente resteranno indisponibili, in attesa dell’udienza dinanzi al giudice.

 


Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

 

NARRATIVA

RIFLESSIONI

Enti non commerciali

News image

Gestire una palestra: scelta tra impresa e società sportiva   Un piccolo gruppo di maestri di tennis venne da me perché avevano trovato in affitto un circolo tennis privato e volevano prenderlo in gestione pe...

Riflessioni | Lunedì, 7 Marzo 2016

Leggi tutto

ANTONIO ALBANESE DIREBBE: “PIU’ COZZE P

News image

Uno slogan che ho coniato in occasione di cotanto interesse della politica locale avverso la realizzazione di un  impianto di cozze al largo di Minturno. Eppure, direbbe Albanese, dove erano queste pe...

Riflessioni | Giovedì, 28 Gennaio 2016

Leggi tutto

Nove anni

News image

E' soprattutto quando una persona cara viene a mancare che si apprezza maggiormente la sua presenza e il suo insegnamento... I difetti divengono improvvisamente uno strumento per sopravvivere. E' il ...

Riflessioni | Martedì, 19 Gennaio 2016

Leggi tutto

IL MEGLIO DEVE ANCORA VENIRE

News image

Ho conosciuto la Bellezza della Politica attraverso gli occhi del Sindaco Angelo Vassallo, trucidato per non aver mai convissuto con l’omertà e l’indifferenza. Camminare per strada e far finta di no...

Riflessioni | Martedì, 12 Gennaio 2016

Leggi tutto

IL MARE: UN AMORE DI CONVENIENZA PER TRO

News image

Sono ancora pochi i politici che parlano del Mare come di un “Elemento”, una risorsa, nel quale vivono creature che noi mangiamo per sopravvivere e per soddisfare i nostri bisogni pr...

Riflessioni | Giovedì, 7 Gennaio 2016

Leggi tutto

MINTURNO: LE ELEZIONI RISVEGLIANO L’AMOR

News image

Le elezioni lasciano spazio a dichiarazioni d’amore verso il Nostro bel Paese. Tutto bellissimo se non fosse per il fatto che alla domanda “cosa hai fatto per promuovere e sostenere la...

Riflessioni | Mercoledì, 30 Dicembre 2015

Leggi tutto
-
+
1

LE VOSTRE STORIE

Le idee

News image

O siamo capaci di sconfiggere le idee contrarie con la discussione, o dobbiamo lasciarle esprimere. Non è possibile sconfiggere le idee con la forza, perché questo blocca il libero sviluppo dell'intelligenza. Che ...

Le vostre storie | Martedì, 22 Dicembre 2015

Leggi tutto

Fate che la vostra vita sia spettacolare

News image

Lo so che giunti al termine di questa nostra vita tutti noi ci ritroviamo a ricordare i bei momenti e dimenticare quelli meno belli, e ci ritroviamo a pensare al ...

Le vostre storie | Lunedì, 16 Novembre 2015

Leggi tutto

Minturno : Appello al Commissario Prefet

News image

Alla c.a. del Commissario Prefettizio Dott. Bruno Strati   Oggetto : Famiglia in difficoltà – Richiesta di AIUTO - Egregio Commissario Prefettizio dottor Bruno Strati, Mi chiamo Erminio Di Nora, delegato dal signor Vincenzo a ...

Le vostre storie | Martedì, 22 Settembre 2015

Leggi tutto

Tutto nasce con noi

News image

Nasce il bambino e con lui il primo vagito apre le porte al Cielo, alla Vita, al cammino.Le esperienze segnano i suoi passi come nei sulla pelle, un percorso con ...

Le vostre storie | Venerdì, 18 Settembre 2015

Leggi tutto

Indifferenza omertosa

News image

Quel giorno vidi la Terra soffrire. Dalle fenditure fuoriusciva un liquido maleodorante, scarti dell'uomo industrializzato.Il Mare era scomparso, nascosto all'occhio umano aveva lasciato sui fondali plastica, scarti di fabbrica, masse ...

Le vostre storie | Giovedì, 30 Luglio 2015

Leggi tutto

Come un Licantropo

News image

Non sono solo leggende metropolitane: l’uomo lupo esiste! E’ quanto emerge dopo anni di studi da parte di un gruppo di ricercatori dell’Università della citta di Wolfy, 125 km a est di...

Le vostre storie | Domenica, 19 Luglio 2015

Leggi tutto
-
+
1

PESCA E ACQUACOLTURA

 

Multimedia

Rassegna Stampa
Photogallery
Videogallery

Curriculum

Aggiungi ai preferiti
 
Fisco e Previdenza

INFORMATIVA FISCALE E PREVIDENZIALE

730 precompilato: opposizione alle spese universitarie fino al 21 marzo

Gli studenti che non vogliono far comparire le spese universitarie sostenute nel 2015 nella dichiarazione precompilata dei familiari di cui sono a carico possono comunicarlo all’Agenzia delle Entrate entro il prossimo 21 marzo. Per opporsi all’utilizzo dei dati, occorre scaricare dal sito www.agenziaentrate.it il modello allegato al provvedimento del 19 febbraio scorso (comunicazioni all’anagrafe tributaria dei dati relativi alle spese universitarie), compilarlo ed inviarlo, insieme a copia del documento di identità, all’indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. oppure via fax al numero 0650762273. A regime, invece, lo studente che non vuole far comparire le spese universitarie nella precompilata, potrà inviare il modello dal 2 gennaio al 28 febbraio dell’anno successivo a quello di riferimento.

Fonte: Agenzia delle Entrate

 

Read More

Regime fiscale attività professionali turistiche

Regime fiscale attività professionali turistiche

 

Il regime fiscale delle attività di guida, accompagnatore ed interprete turistico è molto favorevole, soprattutto per le guide e gli interpreti, in quanto i redditi da esse ottenuti sono soggetti all’IRPEF, ma non all’IRAP quando l’attività è personale e manca il requisito dell’autonoma organizzazione (previsto dall’art. 2 del Decreto Legislativo n° 446 del 1997), cioè quando l’esercente l’attività non ha dipendenti o collaboratori di altro genere. Inoltre queste attività sono esenti dall’IVA ai sensi del numero 22 dell’art. 10 del DPR 633/1972, eccetto quella di accompagnatore che è soggetta all’IVA al 22%, salvo il caso in cui il viaggio in cui viene impiegato l’accompagnatore sia effettuato fuori dall’Unione Europea. A questa condizione quella dell’accompagnatore è un’attività “fuori campo IVA” e quindi ad essa non si applica l’IVA.

 

Read More

Vendita diretta di prodotti agricoli

Il Consiglio di Stato, V sezione, con la sentenza n. 131 del 18 gennaio 2016 analizza la normativa (agevolativa) riservata all’imprenditore agricolo per poter aprire una vendita diretta di propri prodotti.

Tale facoltà è stata concessa nel contesto della riforma del 2001 che ha visto rimodulare integralmente, in un senso moderno, il settore dell’agricoltura, della pesca e della selvicoltura.

 

Read More

CONI: cococo non riconducibili al rapporto di lavoro subordinato

Il Ministero del Lavoro, con l'Interpello n. 6 del 27 gennaio 2016, fornisce chiarimenti in relazione all'ambito di applicazione dell'art. 2, comma 2, lett. d) del D.Lgs n. 81/2015, concernente le tipologie di collaborazioni escluse dalla presunzione di subordinazione prevista dal comma 1 della medesima disposizione.

 

Read More

INFORMATIVA FISCALE E PREVIDENZIALE

730/2016: le spese mediche non inserite sono quelle dei farmaci da banco

Il 25 gennaio scorso la direttrice dell’agenzia delle Entrate, Rossella Orlandi, nel corso di un convegno sulle novità fiscali e civilistiche del «Bilancio di esercizio 2015», ha colto l'occasione per ribadire che gli 8 giorni di mini-proroga (dal 1° al 9 febbraio) concessi alle associazioni di categoria e ai professionisti abilitati per l’invio delle informazioni sulle prestazioni sanitarie 2015 di pensionati e dipendenti, e che andranno ad arricchire i dati della nuova dichiarazione precompilata, non saranno ulteriormente prorogati. Il nuovo termine per l’invio dei dati delle spese mediche resta il 9 febbraio 2016. La direttrice delle Entrate ha poi precisato, con riguardo alla possibilità che nel nuovo 730 precompilato non siano inserite le spese farmaceutiche, che i dati non più in possesso dei farmacisti riguardano «esclusivamente i prodotti da banco senza prescrizione». Tutte le informazioni sui farmaci acquistati dai cittadini (e sono la maggioranza)con il “foglietto rosso” già sono nella piena disponibilità del sistema Tessera sanitaria.

Fonte: Il Sole 24 Ore

 

Read More