Get Adobe Flash player
Home
Notice
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

La forza dell’empatia

Riflessioni - Riflessioni

Buona Vita a Tutti.

Ho trovato questa bellissima riflessione sulla forza dell'empatia, una forza che rappresenta anche una ferita sempre aperta dalla quale lasciare passare e vedere la "nostra storia".

Marshall Rosemberg ha inventato e sviluppato la “Comunicazione non violenta”, uno strumento potente per negoziare e risolvere conflitti, educare i figli, sviluppare armonia nelle relazioni in famiglia, in coppia, nelle organizzazioni. Per poter entrare in contatto con i sentimenti e i bisogni nostri o altrui, è necessario nutrire un contatto particolare con la vita, con noi stessi.

Nel nostro linguaggio parliamo spesso di simpatia (sympatheia, sentimento condiviso, letteralmente “patire insieme”, provare emozioni con…”). L’essenza della simpatia consiste nel provare emozioni simili ad un’altra persona, emozioni come la gioia o la sofferenza). Empatia deriva invece dal empateia, a sua volta composta da “en: dentro”, e “pathos: sofferenza o sentimento”, che veniva usata per indicare il rapporto emozionale di partecipazione che legava l’autore-cantore al suo pubblico. Era un fenomeno noto nell’antica grecia, il legame speciale che univa gli attori con il pubblico.

Buber descrive l’empatia come il dono più prezioso che un essere umano può fare ad un altro essere umano.

L’empatia è una forma molto speciale di presenza. Dare empatia significa esserci pienamente. Significa fermare i pensieri, stare nel presente, nel qui ed ora. Tutto ciò che affiora dal passato e le aspettative verso il futuro bloccano l’empatia. Essere presente all’altro come ad un bambino appena nato che viene visto per la prima volta. Questo richiede un approccio che non può essere preparato in anticipo. Un atteggiamento che ha più ha che fare con la meraviglia e con lo stupore infantile che non con la conoscenza, con il pensiero. Un atteggiamento più simile allo stato di meditazione che di comprensione. È molto difficile reggere a lungo tale presenza senza pensare. Quando ci accorgiamo che la mente inizia a mettersi in modo possiamo dirci con gentilezza “Respira e ritorna all’istante presente”. Il potere dell’empatia è enorme anche se è raro riuscire a stare con la persona in questo stato per molto tempo.

Empatia non significa comprendere l’altro intellettualmente o avere simpatia per lui (sapere che stai male mi fa sentire triste), non significa collegarmi ai miei sentimenti e alle mie emozioni, ma a quelli dell’altro. Se siamo coinvolti emotivamente vuol dire che abbiamo perso il contatto con l’altra persona. Possiamo respirare e tornare all’istante presente.

Quando diamo empatia non siamo interessati ai sentimenti o ai pensieri dell’altro. Se approviamo ciò che dice l’altro non siamo già più in empatia. Non occorre essere dello stesso parere per stare con l’altro. Per questo è così difficile ascoltare l’altro veramente, soprattutto quando è provocatorio e non la pensa come noi. Questo vuol dire che anche in situazioni di conflitto non occorre essere dello stesso parere.

Inoltre è molto più facile entrare in empatia con persone che hanno il cuore aperto. Ma coloro che ce l’hanno chiuso?

Essere in empatia vuol dire portare l’attenzione all’energia divina che scorre nell’altra persona, su ciò che è vivo in lei (sentimenti e bisogni). Energia divina e vita sono sinonimi. Alfred Korzybisky afferma che “la mappa non è il territorio” indicandoci che il linguaggio è un impoverimento della realtà, della vita e quindi è fuorviante. Solo entrando in contatto con la sua anima, che è il flusso della vita che scorre in lui, i suoi sentimenti possiamo connetterci a livello profondo.

Per stare con la persona non è necessario ritornare alla sua infanzia, fare un tuffo nel passato. L’empatia si gioca nel qui ed ora. Molti pensano che per essere capiti sia importante raccontare la propria storia, ciò che è successo. Dare empatia non vuol dire collegarsi alla storia delle persone, a ciò che è loro capitato, ma collegarsi a ciò che è vivo in loro in quel momento. Lo posso fare in silenzio.

“Inizio ad usare le parole quando sto per cadere dalla tavola da Surf. Con il surf ci si fa trasportare dalle onde del mare, dalla sua energia. Se non sono più sicuro di essere collegato con l’altra persona, all’energia che la attraversa (sentimenti e bisogni), allora dico all’altra persona quali sentimenti e bisogni sto sentendo in lei. L’altro così ha la possibilità di correggermi se prova sentimenti diversi e possiamo ristabilire la connessione”.

L’empatia ci aiuta a collegarci al nucleo profondo del sé, al di la delle proprie maschere, della versione della vita finora raccontata a se stessi e  agli altri.

Noi tutti tendiamo a raccontare storie. Empatia significa tradurre tutte le nostre storie, teorie e interpretazioni in sentimenti e bisogni: “Quando pensi a tuo padre ti senti…”. L’empatia è una certa qualità della presenza. L’attenzione viene focalizzata sui sentimenti e bisogni dell’altro. Quando non sono più sicuro di esserlo formulo una domanda.

Se qualcuno si rende molto vulnerabile raccontandomi ciò che sta vivendo, può essere di sostegno confermagli che sono presente, ma niente di più. Sicuramente ci succederà di non indovinare (letture della mente) perfettamente ciò che l’altro desidera perché non siamo perfetti. Impariamo dai nostri errori, dai nostri limiti in quanto sono vere occasioni di crescita.

Empatia vuol dire seguire il flusso della vita che scorre nell’altro. Come nel surf fidarsi della tavola e del vento. Una seduta di empatia di 45 minuti produce cambiamenti e trasformazioni radicali. Anche Rogers diceva che l’ascolto vero è già di per sé terapeutico.

E come si fa esattamente? Si chiede alla persona l’origine del suo dolore e a quale persona è legata l’origine della sua sofferenza, del suo profondo conflitto interiore. Poi si dice alla persona “Dimmi ciò che è vivo in te in questo momento, io nel ruolo di quella persona ti ascolterò con empatia…”. Il quel momento si diventa quella persona, il padre, la madre, etc.

L’esperienza di poter provare nel presente l’esperienza di essere visti produce il cambiamento. Non è un semplice gioco di ruolo. In quel momento “Io posso diventare quella persona”. Siamo tutti parte della medesima energia divina. In quel momento sono me stesso e l’altro. Questo è dare empatia. Le registrazione delle sedute di empatia lo dimostrano. Quando le persone rappresentate sentono la registrazione della seduta rimangono colpite.

Può essere utile inoltre utilizzare le parole dell’altro, entrare anche nella sua mappa del mondo. Ma non sono tanto i termini e le parole che curano quanto la qualità del legame e delle relazione che si instaura.

“Dove sono due o tre riuniti nel mio nome io sarò in mezzo a loro”. Queste parole di Gesù aiutano a comprendere che se riusciamo a collegarci all’energia divina che scorre attraverso di noi, le ferite guariranno più velocemente, anche se certe volte, di fronte a tanto dolore, sembra impossibile. Quando siamo collegati empaticamente l’energia divina, innondandoci ci guarisce. Non si tratta di credenza, ma di un’osservazione, di un’esperienza. La meditazione, praticata nel modo in cui le varie tradizioni la intendono, è il modo più efficace per dare empatia a se stessi. Stare in meditazione significa lasciare emergere, al di la delle occupazioni quotidiane, ciò che è vivo in me qui e ora.

Gianluca Minella

Liberamente tratto da M. RosembergPreferisci avere ragione o essere felice, Esserci, 2009.

 

 

NARRATIVA

RIFLESSIONI

Enti non commerciali

News image

Gestire una palestra: scelta tra impresa e società sportiva   Un piccolo gruppo di maestri di tennis venne da me perché avevano trovato in affitto un circolo tennis privato e volevano prenderlo in gestione pe...

Riflessioni | Lunedì, 7 Marzo 2016

Leggi tutto

ANTONIO ALBANESE DIREBBE: “PIU’ COZZE P

News image

Uno slogan che ho coniato in occasione di cotanto interesse della politica locale avverso la realizzazione di un  impianto di cozze al largo di Minturno. Eppure, direbbe Albanese, dove erano queste pe...

Riflessioni | Giovedì, 28 Gennaio 2016

Leggi tutto

Nove anni

News image

E' soprattutto quando una persona cara viene a mancare che si apprezza maggiormente la sua presenza e il suo insegnamento... I difetti divengono improvvisamente uno strumento per sopravvivere. E' il ...

Riflessioni | Martedì, 19 Gennaio 2016

Leggi tutto

IL MEGLIO DEVE ANCORA VENIRE

News image

Ho conosciuto la Bellezza della Politica attraverso gli occhi del Sindaco Angelo Vassallo, trucidato per non aver mai convissuto con l’omertà e l’indifferenza. Camminare per strada e far finta di no...

Riflessioni | Martedì, 12 Gennaio 2016

Leggi tutto

IL MARE: UN AMORE DI CONVENIENZA PER TRO

News image

Sono ancora pochi i politici che parlano del Mare come di un “Elemento”, una risorsa, nel quale vivono creature che noi mangiamo per sopravvivere e per soddisfare i nostri bisogni pr...

Riflessioni | Giovedì, 7 Gennaio 2016

Leggi tutto

MINTURNO: LE ELEZIONI RISVEGLIANO L’AMOR

News image

Le elezioni lasciano spazio a dichiarazioni d’amore verso il Nostro bel Paese. Tutto bellissimo se non fosse per il fatto che alla domanda “cosa hai fatto per promuovere e sostenere la...

Riflessioni | Mercoledì, 30 Dicembre 2015

Leggi tutto
-
+
1

LE VOSTRE STORIE

Le idee

News image

O siamo capaci di sconfiggere le idee contrarie con la discussione, o dobbiamo lasciarle esprimere. Non è possibile sconfiggere le idee con la forza, perché questo blocca il libero sviluppo dell'intelligenza. Che ...

Le vostre storie | Martedì, 22 Dicembre 2015

Leggi tutto

Fate che la vostra vita sia spettacolare

News image

Lo so che giunti al termine di questa nostra vita tutti noi ci ritroviamo a ricordare i bei momenti e dimenticare quelli meno belli, e ci ritroviamo a pensare al ...

Le vostre storie | Lunedì, 16 Novembre 2015

Leggi tutto

Minturno : Appello al Commissario Prefet

News image

Alla c.a. del Commissario Prefettizio Dott. Bruno Strati   Oggetto : Famiglia in difficoltà – Richiesta di AIUTO - Egregio Commissario Prefettizio dottor Bruno Strati, Mi chiamo Erminio Di Nora, delegato dal signor Vincenzo a ...

Le vostre storie | Martedì, 22 Settembre 2015

Leggi tutto

Tutto nasce con noi

News image

Nasce il bambino e con lui il primo vagito apre le porte al Cielo, alla Vita, al cammino.Le esperienze segnano i suoi passi come nei sulla pelle, un percorso con ...

Le vostre storie | Venerdì, 18 Settembre 2015

Leggi tutto

Indifferenza omertosa

News image

Quel giorno vidi la Terra soffrire. Dalle fenditure fuoriusciva un liquido maleodorante, scarti dell'uomo industrializzato.Il Mare era scomparso, nascosto all'occhio umano aveva lasciato sui fondali plastica, scarti di fabbrica, masse ...

Le vostre storie | Giovedì, 30 Luglio 2015

Leggi tutto

Come un Licantropo

News image

Non sono solo leggende metropolitane: l’uomo lupo esiste! E’ quanto emerge dopo anni di studi da parte di un gruppo di ricercatori dell’Università della citta di Wolfy, 125 km a est di...

Le vostre storie | Domenica, 19 Luglio 2015

Leggi tutto
-
+
1

PESCA E ACQUACOLTURA

 

Multimedia

Rassegna Stampa
Photogallery
Videogallery

Curriculum

Aggiungi ai preferiti
 
Fisco e Previdenza

INFORMATIVA FISCALE E PREVIDENZIALE

730 precompilato: opposizione alle spese universitarie fino al 21 marzo

Gli studenti che non vogliono far comparire le spese universitarie sostenute nel 2015 nella dichiarazione precompilata dei familiari di cui sono a carico possono comunicarlo all’Agenzia delle Entrate entro il prossimo 21 marzo. Per opporsi all’utilizzo dei dati, occorre scaricare dal sito www.agenziaentrate.it il modello allegato al provvedimento del 19 febbraio scorso (comunicazioni all’anagrafe tributaria dei dati relativi alle spese universitarie), compilarlo ed inviarlo, insieme a copia del documento di identità, all’indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. oppure via fax al numero 0650762273. A regime, invece, lo studente che non vuole far comparire le spese universitarie nella precompilata, potrà inviare il modello dal 2 gennaio al 28 febbraio dell’anno successivo a quello di riferimento.

Fonte: Agenzia delle Entrate

 

Read More

Regime fiscale attività professionali turistiche

Regime fiscale attività professionali turistiche

 

Il regime fiscale delle attività di guida, accompagnatore ed interprete turistico è molto favorevole, soprattutto per le guide e gli interpreti, in quanto i redditi da esse ottenuti sono soggetti all’IRPEF, ma non all’IRAP quando l’attività è personale e manca il requisito dell’autonoma organizzazione (previsto dall’art. 2 del Decreto Legislativo n° 446 del 1997), cioè quando l’esercente l’attività non ha dipendenti o collaboratori di altro genere. Inoltre queste attività sono esenti dall’IVA ai sensi del numero 22 dell’art. 10 del DPR 633/1972, eccetto quella di accompagnatore che è soggetta all’IVA al 22%, salvo il caso in cui il viaggio in cui viene impiegato l’accompagnatore sia effettuato fuori dall’Unione Europea. A questa condizione quella dell’accompagnatore è un’attività “fuori campo IVA” e quindi ad essa non si applica l’IVA.

 

Read More

Vendita diretta di prodotti agricoli

Il Consiglio di Stato, V sezione, con la sentenza n. 131 del 18 gennaio 2016 analizza la normativa (agevolativa) riservata all’imprenditore agricolo per poter aprire una vendita diretta di propri prodotti.

Tale facoltà è stata concessa nel contesto della riforma del 2001 che ha visto rimodulare integralmente, in un senso moderno, il settore dell’agricoltura, della pesca e della selvicoltura.

 

Read More

CONI: cococo non riconducibili al rapporto di lavoro subordinato

Il Ministero del Lavoro, con l'Interpello n. 6 del 27 gennaio 2016, fornisce chiarimenti in relazione all'ambito di applicazione dell'art. 2, comma 2, lett. d) del D.Lgs n. 81/2015, concernente le tipologie di collaborazioni escluse dalla presunzione di subordinazione prevista dal comma 1 della medesima disposizione.

 

Read More

INFORMATIVA FISCALE E PREVIDENZIALE

730/2016: le spese mediche non inserite sono quelle dei farmaci da banco

Il 25 gennaio scorso la direttrice dell’agenzia delle Entrate, Rossella Orlandi, nel corso di un convegno sulle novità fiscali e civilistiche del «Bilancio di esercizio 2015», ha colto l'occasione per ribadire che gli 8 giorni di mini-proroga (dal 1° al 9 febbraio) concessi alle associazioni di categoria e ai professionisti abilitati per l’invio delle informazioni sulle prestazioni sanitarie 2015 di pensionati e dipendenti, e che andranno ad arricchire i dati della nuova dichiarazione precompilata, non saranno ulteriormente prorogati. Il nuovo termine per l’invio dei dati delle spese mediche resta il 9 febbraio 2016. La direttrice delle Entrate ha poi precisato, con riguardo alla possibilità che nel nuovo 730 precompilato non siano inserite le spese farmaceutiche, che i dati non più in possesso dei farmacisti riguardano «esclusivamente i prodotti da banco senza prescrizione». Tutte le informazioni sui farmaci acquistati dai cittadini (e sono la maggioranza)con il “foglietto rosso” già sono nella piena disponibilità del sistema Tessera sanitaria.

Fonte: Il Sole 24 Ore

 

Read More